ezgif.com-gif-maker4

Contatti

Contatti

Iscriviti alla Newsletter

Associazione Radicali Cuneo - Gianfranco Donadei

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 366.5370589

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 366.5370589

 

Associazione territoriale di Radicali Italiani

Codice fiscale: 96099610048

IBAN: IT65 X030 6910 2131 0000 0002 196

 

Informativa privacy - cookie policy

Dichiarazione di Filippo Blengino e di Emma Bonino

2020-09-08 10:24

Ufficio stampa

Dichiarazione di Filippo Blengino e di Emma Bonino

Ieri sera nuovo sgombero al Movicentro di Cuneo: sono intervenute le forze di polizia e la Croce Rossa Italiana. Intanto Radicali Cuneo affila le armi

Ieri sera nuovo sgombero al Movicentro di Cuneo: sono intervenute le forze di polizia e la Croce Rossa Italiana. Intanto Radicali Cuneo affila le armi nonviolente per il flashmob in programma venerdì 11 alle 18 sotto il Comune di Cuneo, a cui ha aderito anche Cuneo per i Beni Comuni, le Sardine ed altre realtà cittadine.

 

Commenta Filippo Blengino, Segretario di Radicali Cuneo: “Ieri sera nuovo epilogo di una situazione davvero becera. L’ordinanza antibivacco del Sindaco Borgna è una vergogna: non si elimina la povertà nascondendo i poveri. Invitiamo tutta la cittadinanza a scendere al nostro fianco contro colui che abbiamo soprannominato il Sindaco sceriffo. E mentre il PD a Pisa protesta contro un’identica ordinanza firmata dal Sindaco leghista Conti, a Cuneo è assordante il silenzio dei democratici, complici di un’ordinanza da ribrezzo”.

 

Anche Emma Bonino, storica leader radicale, da Roma manda un messaggio contro l’ordinanza di Federico Borgna: "Radicali Cuneo sta sollevando un problema che riguarda molte realtà italiane. Da una parte è evidente a chiunque come nelle città, grandi e piccole, sia in aumento il numero di persone che vivono all'addiaccio, che chiedono l'elemosina e che non hanno un tetto sotto il quale ripararsi. Un problema che si aggraverà ancora con la crisi economica che abbiamo davanti.  È una delle priorità delle amministrazioni individuare soluzioni, insieme ai tanti volontari che operano sui territori, che devono mirare a ridurre il problema, non a nascondere sotto il tappeto la polvere. Scrivere in un’ordinanza comunale che "è vietata la permanenza con giacigli, cartoni, materassi, coperte, sacchi a pelo o simili su suolo pubblico ed aperto al pubblico" come ha fatto il comune di Cuneo non risolve il problema, anzi rischia di aggravarlo ulteriormente" conclude la senatrice.


facebook
instagram
youtube

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2021 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder