ezgif.com-gif-maker4

Contatti

Contatti

Iscriviti alla Newsletter

Associazione Radicali Cuneo - Gianfranco Donadei

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 366.5370589

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 366.5370589

 

Associazione territoriale di Radicali Italiani

Codice fiscale: 96099610048

IBAN: IT25 S031 1110 2010 0000 0005 542

 

Informativa privacy - cookie policy

CUNEO, RADICALI: PER UNA VOLTA BORGNA CI CONSIDERA

2020-12-11 15:22

Ufficio stampa

Comunicato stampa,

CUNEO, RADICALI: PER UNA VOLTA BORGNA CI CONSIDERA

Dichiarazione di Filippo Blengino, Segretario di Radicali Cuneo:“Apprendiamo ora dalla Segreteria del Sindaco che Federico Borgna si è fatto promotore

Dichiarazione di Filippo Blengino, Segretario di Radicali Cuneo:

“Apprendiamo ora dalla Segreteria del Sindaco che Federico Borgna si è fatto promotore del nostro appello per salvare il ricercatore Ahmadreza Djalali, condannato a morte dal regime iraniano, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri. Accogliamo con entusiasmo questa notizia, con la speranza che altri suoi colleghi possono fare lo stesso. Ieri a Cuneo abbiamo manifestato sotto il Comune proprio per chiedere che il Governo richiami immediatamente l’ambasciatore e che si attivi per salvare la vita di un innocente. Il 10 dicembre del ’48 entrava in vigore la Dichiarazione Universale dei diritti umani ma ancora oggi vengono violati fondamentali diritti umani, anche in Italia. Parlo dei tanti Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi, Riccardo Magherini, Francesco Mastrogiovanni… Tutti morti mentre erano affidati allo Stato. Serve un radicale cambio di passo, e tentare di salvare seriamente la vita di Djalali, arrestato perché oppositore del regime politico dell’Iran, potrebbe essere una buona occasione per schierarsi apertamente a fianco dei diritti umani”.

 

Aggiunge Alexandra Casu, della Direzione dei radicali cuneesi: “Siamo speranzosi del fatto che il presidio di ieri, 10 dicembre, possa smuovere ancora di più l'opinione pubblica sulla questione dei diritti umani. In particolare nella vicenda che coinvolge il dottor Djalali. Abbiamo enormemente apprezzato il riscontro ottenuto in data odierna da parte del Sindaco Borgna. Lo ringraziamo per la sua presa di posizione, nell' aspettativa che il governo italiano possa in tempo celere fermare la condanna a morte del ricercatore Iraniano.”


facebook
instagram
youtube

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2021 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder