ezgif.com-gif-maker4

Contatti

Contatti

Iscriviti alla Newsletter

Associazione Radicali Cuneo - Gianfranco Donadei

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 366.5370589

 

Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 366.5370589

 

Associazione territoriale di Radicali Italiani

Codice fiscale: 96099610048

IBAN: IT25 S031 1110 2010 0000 0005 542

 

Informativa privacy - cookie policy

La replica di Filippo Blengino al Comitato di quartiere Centro storico di Cuneo

2020-08-20 18:01

Radicali Cuneo

Comunicato stampa, movida,

La replica di Filippo Blengino al Comitato di quartiere Centro storico di Cuneo

“Pura follia la lettera inviata dal Comitato centro storico al Comune di Cuneo”. Inizia così la dichiarazione di Filippo Blengino, Segretario di Radic

image-826-1597935572.jpg

“Pura follia la lettera inviata dal Comitato centro storico al Comune di Cuneo”. Inizia così la dichiarazione di Filippo Blengino, Segretario di Radicali Cuneo, che continua: “A parte il fatto che mi risulta impossibile che il Comitato di quartiere scriva una lettera a nome di tutti gli abitanti della zona, come viene scritto, ma sorvolando le piccolezze, chiedo pubblicamente alle forze dell’ordine di astenersi dal fare un nuovo giro di vite sulla movida. Siamo una città totalmente morta, che ha bisogno come l’ossigeno di movimento per poter garantire ai tanti esercizi commerciali in estrema difficoltà economica, a causa del lockdown dei mesi scorsi, di sopravvivere. Leggere che improvvisi scoppi di risate disturbano il sonno è davvero ridicolo: meno male che, nonostante il periodo, ci sia gente che rida per le strade e che popoli le nostre vie, normalmente deserte. Un contro è disturbare la pubblica quiete, un altro è semplicemente vivere la città, passeggiando, divertendosi, organizzando eventi pubblici nel rispetto delle disposizioni sanitarie. Nulla vieta a coloro che desiderano un silenzio tombale al di fuori della porta di casa di trasferirsi in qualche monastero! Dubito che a Torino, Milano o, fermandoci in Provincia di Cuneo, ad Alba, un Comitato di quartiere chieda pubblicamente ai commercianti e gestori di ristoranti di darsi una mazzata sui piedi perché qualche inquilino del palazzo di fianco non abbia altro da fare che tentare di trasformare le vie cittadine in luoghi di religioso e assoluto silenzio!” attacca l’esponente radicale.


facebook
instagram
youtube

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2021 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder