image-558

Contatti

Contatti

Associazione Radicali Cuneo - Gianfranco Donadei

La nostra newsletter

Sede legale: Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Sede legale: Via XX Settembre 28, 12100 Cuneo

Email: ​info@radicalicuneo.org

PEC: radicalicuneo@pec.it

Tel: 0171.502138

 

 

Associazione territoriale di Radicali Italiani

Codice fiscale: 96099610048

Ricevi i nostri comunicati stampa: clicca qui!

 

Informativa privacy - cookie policy

Come si può controllare il lavoro più antico del mondo in città?

07-11-2021 21:20

Filippo Blengino

Blog di Filippo Blengino,

Come si può controllare il lavoro più antico del mondo in città?

Lo sfruttamento, la tratta degli esseri umani, la riduzione in schiavitù, sono crimini contro gli esseri umani inaccettabili. Oggi però, anche quando

prostitute-scaled-1636316355.jpg

Lo sfruttamento, la tratta degli esseri umani, la riduzione in schiavitù, sono crimini contro gli esseri umani inaccettabili. Oggi però, anche quando totalmente slegato da questi reati, il sex work continua ad essere oggetto di divieti e condanne. La prostituzione, si sa, è un fenomeno diffuso sin dalla notte dei tempi, ed occorre puntare sulla decriminalizzazione e legalità per controllarlo. Il proibizionismo, anche su questo tema, produce solo danni immani.

 

Non si può avere la presunzione di risolvere una questione così annosa e di portata (inter)nazionale a livello comunale, ma sicuramente il contributo dell’amministrazione per gestire la questione può essere importante. Si tratta di scegliere se lasciare che ci si prostituisca nelle zone più buie e degradate delle città, mettendo a rischio chi ricorre a questa pratica, oppure permettere che lo si faccia alla luce del sole, in aree rese note al pubblico, con un monitoraggio sulla sicurezza di lavoratori e clienti.

 

In collaborazione con i lavoratori e le lavoratrici sessuali, la Questura, la Prefettura i comitati di quartiere e i cittadini, è possibile creare delle zone in cui l’attività di prostituzione in strada non sia consentita (parliamo di aree difficili e conflittuali della città). Andrebbero, allo stesso tempo, individuati spazi dove concentrare l’attività, così da limitare i rischi, il disturbo della quiete e con l’obiettivo di migliorare le condizioni igienico-sanitarie. Tutto ciò in attesa che, su esempio vincente di Paesi esteri, anche l’Italia si dia una mossa nel riaprire le cosiddette “case chiuse”, ed introducendo regole che tutelino i/le sex worker.

 

In quest’ottica, sarebbe fondamentale il lavoro delle forze dell’ordine di repressione della prostituzione nelle zone interdette e di contrasto allo sfruttamento delle zone consentite nonché la previsione di strumenti di supporto per accogliere le segnalazioni dei cittadini.

www.radicalicuneo.org @ All Right Reserved 2021 


facebook
instagram
twitter
youtube
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder